Lo sai che

Pubblicato il 6 febbraio 2018 | by Desiré

0

Yoga in azienda

Sapete cosa hanno in comune American Express, Distillerie Branca, Cisco, Goldman Sachs, Generali Assicurazioni, Orange, Alleanza Assicurazioni, Toyota e General Mills? Propongono sessioni di Yoga ai dipendenti durante la giornata lavorativa. Ebbene si, aggiungere alla giornata lavorativa la pratica dello yoga migliora il benessere dei dipendenti e riduce lo stress, senza bisogno di raggiungere una palestra dall’altra parte della città. 

All’estero pionieri dello yoga aziendale sono state realtà come Google ed Apple ed oggi la pratica sta prendendo molto piede anche in Italia, seppur lentamente. Tra i vantaggi da prendere in considerazione ci sono anche i bassi costi per l’allestimento di un’area dedicata alla disciplina orientale, dato che sono sufficienti dei semplici tappetini di gomma ed un maestro abilitato. Ma perché è importante e innovativo per una azienda consentire ai suoi collaboratori praticare Yoga? 

Bisogna capire e conoscere un po’ lo Yoga nella sua essenza più originale per rendersi conto quanto il benessere che invade tutta la persona porti armonia, intuizione, benessere fisico ed emotivo, lucidità, concentrazione e di conseguenza anche migliore raggiungimento degli obiettivi … ma in una semplice parola possiamo dire che lo Yoga ti rende felice, ti inonda di fiducia e amore. Va da se che queste sensazioni rendono la giornata lavorativa più leggera, con migliori rapporti tra colleghi e collaboratori. 

Fare Yoga in azienda è innovativo perché l’azienda assume una identità nuova, di apertura e di benessere. Rompe la rigidità dei luoghi di lavoro. E’ una ventata di novità benefica che tutti possono percepire all’interno e all’esterno. L’azienda assume il carattere di sicurezza, solidità, prosperità e fiducia nel presente e futuro. 

Ma se ancora non basta, conferme più tangibili arrivano da alcune aziende tra cui Distillerie Branca che già dal 2015 propone lo Yoga in azienda per la ferma volontà del Presidente Nicolò Branca che pratica la meditazione yoga da 25 anni. E’ dimostrato che i dipendenti che praticano yoga aumentano del 30% il loro impegno lavorativo rispetto ai più “pigri”. Ma non solo, anche nella capacità di leadership e nella competitività ci sono netti miglioramenti. Semplicemente la persona è sempre più motivata, aperta e disponibile verso gli altri. Di conseguenza si lavora con più entusiasmo e più facilmente. 

E’ un click mentale di riequilibrio che ti permette di percepire il mondo con fiducia, apertura e benessere. 

Anche Renault – azienda automobilistica francese – che in Italia ha chiuso l’anno 2017 con oltre 200.000 veicoli venduti, comincia a proporre questa disciplina antica quanto attuale nei suoi spazi. 

L’annuncio e la presentazione del corso prima della vacanze natalizie è stato accolto con entusiasmo da molti dipendenti che hanno voluto praticare alla prima sessione. 

Da febbraio il via di questa grande opportunità in Renault Italia. 

Abbiamo chiesto a Stefano Negrinelli (HR Analyst & Organisation Support) delle Risorse Umane di parlarci di questa innovazione in azienda facendogli alcune domande: 

Stefano, come si è arrivati a proporre lo Yoga in azienda? 

Da tempo Renault sta affrontando – come molte aziende – il tema del “work-life balance”, ovvero il concetto di un equilibrio soddisfacente tra le molteplici dimensioni che caratterizzano la vita, in primis quelle personale e professionale, nella convinzione che politiche rivolte al benessere dei dipendenti, permettano di ottenere un clima aziendale più favorevole e dunque di ottenere vantaggi anche sul piano di un aumento di produttività, di una migliore pianificazione delle giornate lavorative e di una riduzione delle assenze. Lo Yoga in azienda è solo una delle attività pensate in tale senso e speriamo sarà seguita, nel corso dell’anno, da altre che sono ora in fase di progettazione. 

Perchè Renault Italia/le Risorse Umane ritiene utile e importante lo Yoga? 

Renault offriva già diversi vantaggi, con la possibilità per i dipendenti di aderire a offerte culturali, ricreative e sportive a prezzi vantaggiosi (o addirittura in modo gratuito).
Ci è sembrato un passo avanti dare ai dipendenti la possibilità di frequentare un corso direttamente in azienda, evitando il disagio degli spostamenti che a Roma richiedono spesso molto tempo e sono fonte di stress.  Lo Yoga è una disciplina che porta benessere immediato e che ha molteplici ricadute positive sull’equilibrio psico-fisico; ma è utile e importante anche nella dimensione professionale se si pensa che aiuta l’intuizione e la concentrazione (aspetti cruciali se si parla ad esempio di raggiungimento degli obiettivi). 

Che risposta si è avuta da parte dei dipendenti riguardo questa pratica? 

La proposta è stata accolta con molto interesse e curiosità. Abbiamo organizzato una sessione dimostrativa alla quale ha partecipato un bel numero di dipendenti e le adesioni raccolte sono circa il doppio rispetto a quelle che avevamo preventivato, tanto che inizialmente erano stati previsti 2 turni ma abbiamo già deciso di istituirne un terzo. 

Quali sono state le difficoltà – se ce ne sono state? 

Le difficoltà principali riguardano aspetti organizzativi e legislativi. Innanzitutto non abbiamo dei locali dedicati perciò siamo stati costretti ad utilizzare alcune sale riunioni (col problema di non interferire con eventuali attività o eventi aziendali). E poi va tenuto in conto l’aspetto “legislativo”: si tratta di un’attività sportiva, pertanto abbiamo dovuto predisporre la corretta modulistica informativa, richiedere ai partecipanti i certificati di idoneità,.. Ma alla fine siamo pronti per partire! 

 

Per cui ai dipendenti non resta che approfittare e ritenersi fortunati di lavorare per una azienda che tiene al benessere dei propri dipendenti. 

Per tutti gli altri, il consiglio è parlarne, portare esempi ed esperienze, con l’augurio che sempre più aziende offrano opportunità di questo tipo. 

 

Condividi FacebooktwitterFacebooktwitter

Tags: , ,


L'Autore

Desiré

Motivatrice del cambiamento personale e di attività esperenziali alternative. Fervida credente nelle energie universali e planetarie; scruta e interpreta ciò che la ragione non può con l'aiuto degli insegnamenti antichi e perduti.



Back to Top ↑
  • Visit Us On FacebookVisit Us On TwitterVisit Us On InstagramCheck Our Feed