Era il 2011 quando io e Irene Morrione ideammo la metodologia delle ..." /> Il modello delle 3T – INNOVA©TION WAY

Crea

Pubblicato il 29 agosto 2016 | by Mina

0

Il modello delle 3T

Era il 2011 quando io e Irene Morrione ideammo la metodologia delle 3T per portare in giro negli Stati Uniti il nostro programma di formazione TrainItaly. Un programma un po’ bizzarro che riscosse i suoi successi perché utilizzava come strumenti di apprendimento la cultura italiana: dal vino al cibo, dai personaggi dell’antica Roma ai romanzi e le poesie, dalle città alle persone che le abitano e alle loro tradizioni. Ogni elemento della cultura italiana era il pretesto per far riflettere gli “stranieri in patria” sui temi relativi a leadership, motivazione e comunità.

Ma in cosa consiste questo modello?

Il modello si compone, appunto, di 3 T ed è di facile applicazione

T come TEST – è la dimensione dell’immaginazione. “Prova a immaginare che…”. Proprio perché richiede un forte senso di immedesimazione con una situazione precisa, ne evidenzia le potenzialità mettendo le persone (o i gruppi) in contatto con le proprie capacità. E’ la dimensione della sfida dettata dal confronto: emergono chiaramente punti di forza e punti di miglioramento.

T come TASTE – è la dimensione della “concretezza”. Provare con tutti i sensi quello che stiamo immaginando. Non dobbiamo limitarci a “immaginare” dobbiamo anche “fare” utilizzando metodi ludici e concreti di coinvolgimento.

T come TOAST – è la dimensione della “riuscita” e quindi della “celebrazione”. Alla lettera, in americano to toast vuol dire “brindare”. E non si brinda mai da soli, ma coinvolgendo tutti i potenziali creatori e utilizzatori dell’idea. E’ un momento solenne in cui una foto (reale o semplicemente mentale) definisce i confini della collaborazione e della partecipazione all’interno del gruppo.

Prova anche tu ad applicare questo piccolo modello nella tua vita. Devi solo ricordarti di:

  • metterti alla prova nelle situazioni sfidando i tuoi limiti e valutando i risultati (TEST)
  • mentre fai prova ad “assaggiare” la situazione utilizzando tutti i sensi (TASTE)
  • ricordati sempre di celebrare i tuoi risultati soprattutto se non lavori da solo (TOAST)
Condividi FacebooktwitterFacebooktwitter


L'Autore

Mina

Allenatrice di obiettivi. E' convinta che la vita sia una questione di scelte e che la creatività ci salverà.



Back to Top ↑
  • Visit Us On FacebookVisit Us On TwitterVisit Us On InstagramCheck Our Feed